Storie di Locri e Gerace messe in ordine ed in rapporto con le vicende della Magna Grecia, di Roma, e del regno delle due Sicilie, Volúmenes 1-2

Portada
stab. tip. di G. Nobile, 1856
 

Comentarios de usuarios - Escribir una reseña

No hemos encontrado ninguna reseña en los sitios habituales.

Páginas seleccionadas

Términos y frases comunes

Pasajes populares

Página 152 - Si permette che la suindicata opera si stampi; però non si pubblichi senza un secondo permesso, che non si darà, se prima lo stesso Regio Revisore non avrà attestato di aver riconosciuto nel confronto essere la impressione uniforme all'originale approvato.
Página 34 - L'ossa del corpo mio sarieno ancora In co' del ponte presso a Benevento, Sotto la guardia della grave mora. Or le bagna la pioggia e move il vento Di fuor dal regno, quasi lungo il Verde, Ove le trasmutò a lume spento.
Página 133 - Cosi, se ben un tempo al tempo guerra Fanno l'opre famose, a passo lento E l'opre ei nomi il tempo invido atterra. Vivrò dunque fra...
Página viii - Crispinus oppugnareconatus, quia mag- 11 nam famam attulisse Fabio Tarentum rebatur, omne genus tormentorum machinarumque ex Sicilia arcessierat; et naves indidem accitae erant, quae vergentem ad mare partem urbis oppugnarent. ea omissa oppugnatio est, quia Lacinium Hannibal 12 admoverat copias, et conlegam eduxisse iam ab Venusia exercitum fama erat, cui coniungi volebat.
Página 98 - Austro, secunda die venimus Puteolos: ubi inventis fratribus rogati sumus manere apud eos dies septem: et sic venimus Roman.
Página 81 - Polsi, situato questo in territorio del Comune di S. Luca, in Distretto e Diocesi di Gerace , in fondo ad una profonda valle dell...
Página 19 - Basilio , impalata la moglie , e si credea aneli' egli spedito. Con belle parole gli riuscì di fermare la furia del popolo, e fu cacciato in prigione. Portata la nuova all'esercito, si diede da...
Página 35 - Città era stata in origine il verace fondamento della libertà politica, così il popolo partecipando alla potestà legislativa ebbe mai sempre nella Città...
Página 180 - Adriatico , a riserva di Siponto, e del Monte Gargano , dipendenti dal Principato di Benevento , ed in possesso erano ancora della maggior parte della Calabria , con qualche autorità per lo meno su de' tre Ducati di Amalfì , di Napoli, e di Gaeta.

Información bibliográfica