La Calabria: rivista di letteratura popolare

Portada
Tipografia Francesco Raho., 1888
 

Comentarios de usuarios - Escribir una reseña

No hemos encontrado ninguna reseña en los sitios habituales.

Páginas seleccionadas

Otras ediciones - Ver todo

Pasajes populares

Página 93 - Ahi, Costantin, di quanto mal fu matre, Non la tua conversion, ma quella dote Che da te prese il primo ricco patre!
Página 91 - Mentre che vegnon lieti gli occhi belli Che lagrimando a te venir mi fenno, Seder ti puoi e puoi andar tra elli. Non aspettar mio dir più nè mio cenno : Libero, dritto, sano è tuo arbitrio, E fallo fora non fare a suo senno : Perch' io te sopra te corono e mitrio 2.
Página 70 - Per che quasi di necessità cose contrarie a' primi costumi de' cittadini nacquero tra coloro li quali rimanean vivi. Era usanza (sì come ancora oggi veggiamo usare) che le donne parenti e vicine nella casa del morto si ragunavano, e quivi con quelle che più gli appartenevano piangevano ; e d' altra parte dinanzi alla casa del morto co...
Página 16 - Or in sul primo entrare al defunto tengono il capo chino, le mani composte , il viso ristretto , gli occhi bassi e procedono in silenzio quasi di conserva , oltrepassando il letto funebre , come se per avventura non si fossero accorte che bara nè morto ivi fosse.
Página 63 - Alta dev' esser senza la pianella, E bianca e rossa senza su lisciare; Larga di spalle e stretta in centurella, La bella...
Página 91 - Dalla mia destra parte , e che s' accende Di tutto il lume della spera nostra, Ciò ch'io dico di me di sé intende: Sorella fu, e cosi le fu tolta Di capo l' ombra delle sacre bende. Ma poi che pur al mondo fu rivolta, Contra suo grado e contra buona usanza , Non fu dal vel del cuor giammai disciolta.
Página 16 - ... a un tratto in un profondo silenzio. Tacite, sospirose, chiuse nei raccolti mantelli, colle mani congiunte e colle dita conserte, mettono il viso in seno e contemplano cogli occhi fissi nel cataletto. In quello stante una in fra loro, quasi tocca ed accesa da un improvviso spirito prepotente, balza in piè, si riscuote tutta nella persona, s'anima, si ravviva, le s' imporpora il viso, le scintilla lo sguardo, e voltasi ratta al defunto, un presentaneo cantico intuona.
Página 70 - Si cava di casa il morto , e una caterva di donne si getta sulla strada empiendo le piazze e le vie di mesti ululati , di clamori, di grida, che a chi ne ignori la causa farebbe sospettare o esser quelle maniache, o venuta la città in man del nemico.
Página 16 - In quello stante una in fra loro, quasi tocca ed accesa da un improvviso spirito prepotente, balza in piè, si riscuote tutta nella persona, s'anima, si ravviva, le s' imporpora il viso, le scintilla lo sguardo, e voltasi ratta al defunto, un presentaneo cantico intuona. E in prima tesse onorato encomio di sua prosapia e canta i parenti più prossimi, ascendendo di padre in padre, insino a che montano le memorie fedeli di tutti i sangui di suo legnaggio : appresso riesce alle virtù del defunto,...
Página 73 - O Tosco che per la città del foco Vivo ten vai così parlando onesto , Piacciati di restare in questo loco : La tua loquela ti fa manifesto Di quella nobil patria natio Alla qual forse fui troppo molesto. Subitamente questo suono uscio D' una dell' arche ; però m' accostai, Temendo, un poco più al duca mio.

Información bibliográfica