Images de page
PDF

Vedrete come e' dette buon consiglio
A tre ladron di fuggir I" avarizia
Per iscampar del suo mortal periglio:
I qual, perseverando in suo nequizia,
Rimason presi dal crudele artiglio
D' oscura morte, per la lor malizia.
Se state cheti e ben considerrete,
Frutto e diletto assai ne porterete.

Ora Antonio si pone in orazione, e dice ginocchione da medesimo solo:

O padre nostro che nel cielo stai
E odi in terra chi con fè ti chiama,
Nè di tuo luce alcun privasti mai
Se con tutta la mente e forza t' ama,
Ben ch' i' sie peccator, come tu sai,
Pur di servirti la mie voglia brama:
Però ti priego che mi presti grazia
Che mai non caggia nella tua disgrazia.

E come, Signor mio, tu mi creasti
Sol per tuo carità tanto gentile,
E libero arbitrio mi donasti,
E volesti ch' i' fussi a te simile,
E del tuo sangue mi ricomperasti,
Per me vestito di forma servile,
Cosi ti piaccia mostrarmi la via
Per la qual salvo a te condotto sia.

Antonio va, e truova uno romito e dice così:

O padre santo, e servo al grande Idio,
Del Signor sempre sia teco la pace:
Di poterti parlare are'disio,
E vorrei il tuo consiglio, se ti piace.

Risponde il Romito ad Antonio e dice:

Tu sia il ben venuto, o figliuol mio:
Jesù ti faccia del suo amor capace;
Siedi qui meco, e di' quel che tu vói,
E quel che Dio mi spira, dirò poi.

Antonio siede con lui, e dipoi gli dice cosi:

Sendo stamani all' uficio nel tempio
Udì'una parola nel Vangelo
Per la qual di pensier l' animo m' empio;
Avendo di servire a Dio buon zelo.
Delle sante virtù mi truovo scempio
Che son cagion farci acquistare il cielo;
Lascia ogni cosa (e questo fu quel detto),
Che nteghi se chi vuol esser perfetto.
Risponde il Romito:

El nostro eterno Idio che ci ha creati
Volendoci salvar ci diè la legge ,
La qual s'intende, e'suo santi mandati
Che ubbidir de' tutta l' umana gregge:
Chi rompe quella, cade ne' peccati
E muor dannato se non si corregge.
Oltre al precetto, ci dà poi consigli
Che buon per te, figliuol, se tu li pigli.

De' suo consigli è quel quando ti dice:
Lascia ogni cosa e diverrai perfetto.
Chè chi taglia del mondo ogni radice,
Ponendo solo a Dio tutto 'l suo affetto,
L' alma del suo morir si fa felice,
Che senza lui ogni cosa ha in dispetto.
E ciò che piace al mondo le dispiace,
Portando pel Signor le pene in pace.

Però, figliuol, se il tuo Signor ti chiama
Con l' ubbidir rispondi alla sua voce:
Tanto di darci il paradiso brama
Che mori per salvarci in sulla croce.
Fuggi la robba l' onore e la fama,
Chè alla salute nostra ogniun nuoce,
E pensa quanto è brieve questa vita
Rispetto a quella che sarà infinita.
Risponde Antonio al romito e dice:

Io priego, padre, il nostro redentore
Merito renda alla tua caritade,
Perchè tu m' ài ralluminato il core
Ch' era ravvolto in grande oscuritade.
E 'n questo punto intendo per suo amore
Elegger sol la santa povertade,
E nelle tue orazion, o padre mio,
Ti priego che tu prieghi per me Idio.

Dipoi si parte e dice per via da se stesso:

0 creator dol ciel, Signore eterno,

0 Giesù Cristo figliuol di Maria,
Piacciati esser di me padre e governo,
Tu sol mia guida e lume vo' che sia.
Guardami dalle pene dello 'nferno,
E fammi andar per la tua santa via;
Nella tua sapienza mi rimetto:
Or fammi far quel che ti sia più accetto.

Antonio dice a' suo compagni:

Frate' mie cari, so noi pensiam bene,
Noi siam al nostro Idio molto obligati:
E' ci ha creati e lui sol ci mantiene,
E per salvarci, ch' eravam dannati,
Volle morir con gran vergogna e pene,
E tutto fece pe' nostri peccati.
Sempre dovremo stare in penitenzia,
Per esser salvi all' ultima sentenzia.

Risponde Uno De' Compagni ad Antonio:

La penitenzia si vuol lasciar fare
A' monaci e a' frati e a' romiti:
Lor debbon mal dormire e digiunare,
Andare scalzi, e in dosso mal vestiti;
Ma noi possiam dilicateze usare
E pompe e feste e spesso far conviti;
Mentre che 'l tempo è verde e si felice,
Godere il mondo a noi non si disdice.

Risponde Antonio al compagno e dice:

E ben che 'l mondo paia bello in vista,
Egli è pien tutto di lacciuoli e danni:
Con poco dolce molto amar s' acquista,
Poco diletto e infiniti affanni:
L' anima isventurata cieca e trista
Si lascia spesso prender da' suo inganni,
E non s' avede il tempo vola forte,
E 'l pentir poi non val dopo la morte.

Risponde il Secondo Compagno a Antonio:

Fratel, se'l tempo come tu di'vola,
E se la morte tuttavia s' appressa
Ch' ogni piacer di man ci toglie e imbola
E farci tradimenti mai non cessa,
Non ti pare che questa ragion sola
Debb' esser per me tutta chiara e spressa
Che, quando no'possiam , fuggiam tristizia,

Voi.. II. 4

E cerchiam sempre viver in letizia?

Risponde Antonio al compagno e dice:

Color ch' àn questo mondo abandonato
Son suti molto savi al mio parere;
Chi è ricco e forte e chi è in grande istato
Quasi in un punto si vegon cadere;
Però, frategli, i' ho diterminato
Lasciare in tutto il mondo e '1 van piacere ,
E vogl' ire a servire al mio Signore,
El qual fu morto in croce per mio amore.

Risponde il Terzo Suo compagno:

S'i' ho le tuo parole ben notate, Come d' amico buon , molto m'incresce, i E' t' arà lusingato qualche frate,

E parmi diventato un nuovo pesce.
Sanza cervel voi v' incaperucciate 1
E spesso con vergognia poi se n' esce:
E se pur poi quella pazia v'accieca,
Vo' far lo stento in sulla ribeca. 2

I' credo, Anton, che que' che stanno al mondo
In molti modi si posson salvare;
Sol duo peccati mandon nel profondo:
El tor la robba, e gli uomin amazzare:
E que' che si fan frati, i'ti rispondo,
E' più lo fanno per non lavorare:
Se vuo' col tuo pensier pur ire avanti,
Non ti far frate se non d' Ognissanti.

Antonio si volge alla sorella sua e dice così:

Sorella mia, d'inganni è pieno el mondo
Chè cosa alcuna c' è che stabil sia:
E tutto è vano, benchè par giocondo,
A chi va seguitando la suo via:
Ma chi il conosce con l' animo mondo
Sol di piacere a Dio sempre desia:
Cosi vorrei che po' che noi siam soli
Cercassin d' esser suo veri figliuoli.

1 Incaperucciarsi, cioè: farsi frate, come spiega il Caro, Lett.: Non incapperucei, come fiorentinamente si dice, cioè, non si faccia frate.

3 Alcune edizioni leggono far altre fate, ma il senso ad ogni modo non ne esce fuori limpido: e anche Feditore senese se ne avvide sostituendovi questi due versi, proprio di ripiego: Da poi ch'una tal pazia ti tocca Ricuciti due dita della bocca.

Risponde la Sorella ad Antonio e dice:

Fratel, quando tu di' che 'l mondo è pieno
D'inganni e tutto è pien di vanitade
E che da lui molti ingannati sièno,
Mi par che sia una gran veritade,
Chi ben lo pensa; ma pur nondimeno
Ogniun si truova in questa oscuritade.
Ma quando di' d' esser figliuol di Dio,
In nessun modo il posso intender io.

Perchè figliuol di Dio siam tutti quanti
E'suo precetti dobbiamo ubbidire,
Per esser poi nel numero de' santi
Quando di qui ci converrà partire.

Risponde Antonio alla sorella e dice cosi:

Noi siam, sorella, come viandanti
E, in ogni punto ci possiam morire:
Sì che vorrei che, mentre che possiamo ,
Per Dio tutto il mondo abandoniamo.

Risponde la Sorella ad Antonio:

Or t' ho inteso, e credo che motteggi
E che sien queste paiole da sera,1
Però ti priego che non mi dileggi,
Chè poi non crederrei la cosa vera.

Risponde Antonio alla sorella:

Si che tu credi ch' i' ti scocoveggi
Parlandoti la verità sincera?
Anzi questo medesimo raffermo,
E non vacillo come fa l'infermo.

Risponde la Sorella ad Antonio:

Dunque vuo'tu, fratel, ch'io abandoni
Le gran magnificenze e la riccheza,
La bella casa e tante possessioni
E povera diventi, essendo aveza
A viver con letizia, e ch' i' mi doni
Alla religion con ogni aspreza?
l'ti vo' dire il vero: e' mi par certo
Che tu sia poco savio e meno esperto.

Risponde Antonio alla sorella:

E'pare a te, sorella mia, ch' i' dica

1 « Quando uno dice cose non verisimili, se gli risponde che son [arole da donne e da sera, cioè da vegghia. » Varchi, Ercol.

« PrécédentContinuer »