Imágenes de página
PDF
ePub

leno in prigione. Ma subito il popolo di maniera della sua morte si dolje, che gli accusatori di lui puero con morte ouero con bando castigo;& ad esso Socrate dedicò una statua di metallo. Disce:

polo di costui fu Platone, & altri moltis: Solima , città nobilißima della Giudea, laquale s'ap

pella per altro nome Gierosolima. Si pone anco agettiuamente. Medesimamente ci e' un'altra città di questo nome uicina alla Licia , ouero alla Cilie

cia secondo Homero. Solone Ateniese legislatore, uno de' sette sauij ,

ilquale ammoni il Re Crefo; che non si riputasse

felice mentre uiuea. Sora castello de' Vofci in Terra di Lauoro. Hora ba

titolo di Ducato. Soratte , monte de gli Hirpini ne i Falisci, uenti mi

glia lontano da Roma. Hoggi detto san Trefto. Sparta , ouero Sparte, nobile città di mifitra ; per

altro nome Lacedemonia. Indi Spartano, como

Spartiata nome delle genti di quel paese. Spartaco fu uno schermitore , seruo d'un certo

Romano;ilquale alla fine con ottantadue suoi com pagni fuggendo di prigione; raunò molte migliaia di serui, & fece molti danni all'Italia: ultimax mente da M. Crasso fu in battaglia ucciso. Lucan. Accioche per cagion simil cadessi,

Per cui Spartaco a noi nimico C. i Sperchio fiume di Telaglia, nato dal monte Pelio.

[ocr errors][ocr errors]

Hoggi questo fiume è detto Agrionelas. Spenfippo filosofo academico di Platone , nepote da

parte della forella , & nella scola successore. Sfinge s un mostro con faccia di vergine, con penne

d'uccelli, & piedi di leone ; ilquale già uenendo da Tebe, propose questo enimma. Quale è quels do animale che ha due piedi, & il medesimo ha trè piedi,& quattro piedi. Colui che non sapeua scior re questo enimma, sfinge l’uccideua: Alla fine Edipo cofilo sciolfe , dicendo ch'era l'huomo, ila quale nella fanciullezza alle mani, & à i piedi ap poggiandosi , è di quattro piedi; come è grande, camina con due piedi, ma in uecchiezza accostadosi al bastone ; è di tre piedi . Alhora lo sfinge si lanciò precipitosamente giu del monte. Per la uerità sfinge è uno animale monstruofo in Etiopia della femenza delle fimie, di pelo fosco, che ha due mammelle nel petto, è simile all'huomo ;

senon che è peloso;& habita nella solitudine. Sporadi, cioè sparse, sono molte Isole nell' Arcipe

lago; ouero nel mar Mirtoo;tra le quali è Patmo. Stentore, un certo greco nella guerra Troiana , di :

tanta uoce ; che faceua tanto suono , quanto altri cinquanta, come dice Homero. Giuuenale. Infelice, tu gridi cosi forte

che stentore puoi uincere &C. Stenobea , mogliera di Preto. Vedi sopra Bellerofonte.

[ocr errors]

Sterope , uxo de Ciclopi quedi Bronte Preta Steficoro Siciliano poeta lirico , ilquale hauendo ui

tuperato Helena mogliera di Menelao con un cer to fuo poema: ci perse gli occhi ; Ma hauendola? dapoi lodata con palinodia , cioè con poema con

trario o laudatiuo ; ribebbe la uista. Stilbone e la Stella di Mercurio, dal uerbo greco

Stilbo, che significa fplendo Stilpone , un certo filosofo Megarejeaza.nl Stinfalo , lago, oueropalude d'Arcadia , presso un

castello chiamato Stinfalo; nel qual lago erano uccelli di tanta grandezza , che adombrauano į raggi del Sole; i quali guastauano tutta l'Arcaa dia, dal lago erano dette Stinfalide ; lequali

Hercole con faette uccise. Stige , acqua infernale, per la quale i Dei giuraua

no. Indi Stigio, & Stigia ; ciod inferno, ouero infernale. E anco stige un picciola fiume d' Arcadia, presso il monte Nonacri ; di cui chi ne bee, fubitamente muore. E anco un'altra palude d'E

gitto uicina à Menfi; che circonda l'isola Abato. Strabone, Creteje filosofo,geografo al tempo d' An

gusto. Stratone , filosofo Lanfaceno, maestro di Tolomeo

Filadelfo. Strimone, fiume di Tracia, che cade del monte Emo,

e separa la Tracia dalla Macedonia. Indi Atri- ; monio & strimonia . Hoggi Radino.

Stro

[ocr errors]

no ,

[ocr errors]

Strofadi, due isole nel mare d'Albania ; nelquate

dice Virgilio nel terzo libro della Eneide, che ? habitano l'arpie. Percioche buuendo Fineo Re d'Arcadia à suasione di sua mogliera uccisi suoi figliuoli ; adiratii Dei, ég eßo ancora acciecaro

O cimifero dentro l'arpie uceellicrapaci &
fporchi, che lo moleftaffero. Ma giunto in quel
paese Giasone con gli Argonauti, e hauendogli.
Fineo cortesemente trattati; mandarono Zeto,
de Calai figliuoli di Borea , che haueuano l'ali, I
à Scacciare l'arpie del regno di Fineo. Ilche face.
do essi , peruenuti à queste isole , furono ammoni-
ti, che non volessero i cani di Gioue, cioè l'arpie
piu oltre perseguitare. Per questo l'isole, che pri
mieramente Plote erano dette , furono appellate
Strofadi , cioè ritorno; percioche indi Zoto, de
Calai ritornarono dalla perfecutione delle arpie,
iui lasciandole.

one
Strofio Re di Focide., padre di Pilade auto
Suburra , contrata nella città di Roma.
Suela, città di Terra di Lauoro.
Sueffioni, popolo della Gallia , trali Suizzeri, ey

Piccardi; nella prouincia di Rheims . Hoggi

Soissons.
Sulmone castello de' Pelegni in Abruzzo patria d'o-

[ocr errors]

widio poeta.

Sunio promontorio, castello in Attica.
Surrento , castello di Terra di Lauoro. Hoggi Sora :

rento.

Stro

TA

Tento
Susia città reale de' Persiani. Lucan.

Corran per mezol Achemenia Sufia
Le Schiere do co

T
A BOʻR, monte nel mezo la campagna di

Galilea, alto, di marauigliosa rotondi

:lontano da Diocesaria dieci miglia. Que Ste cose riferisce Girolamo . Taborno, monte di Terra di Lauoro , ò piu tosto del

la Puglia. Adesso è detto Tabor fecodo l'Eritreo. Zenaro, promontorio di Misitra, pressofparts cit

, nella cima del quale è una gran bocca , ouero
una fpilonca, che alcuna volta fa ftrepito Soffian-
do il uento. Onde fauoleggiano iui effere la porta
dello inferno. Vergilio.
Etle Tenarie foci, del inferno

Alte bocche & C.
Tagete , autore d'arufpicina, ilquale in Toscana d'ins

prouiso apparendo ad un certo aratore, insegnò

lui quella arte. Tago, fiume di Portogallo, che ha arene d'oro me

scolate.. Taigeta , città di Misitra. Taigeto, monte nel me

desmo luoco: Si pone anco Taigeto aggettius

mente. Talaffio, ouero Talaffione , Dio delle nozze. Talete Milefio, il primo desette sauij, ilquale fu an

[ocr errors]
« AnteriorContinuar »