Images de page
PDF

El Cavaliere alVimperador risponde:

Presto farò, signor, quel che m'imponi.

Lo Imperatore al cavaliere e a' birri dice:

Su, menatelo via ove gli ha andare,

Chè quando io l' ho dinanzi agli occhi miei

Vego colui che veder non vorrei.

El Cavaliere lo mena al parco de' leoni, e dice a la guardia:
To' dua leoni più fieri e rapaci
Che sien nel parco, e fa morir costui,
E a l'imperator questo compiaci:
Tu se' costi per ubidir a lui.

La Guardia risponde al cavaliere:

Sempre e' tua par birracci son audaci:
lo non son servo de' servi d'altrui.

El Cavaliere risponde alla guardia:

Quel che mi comandò, comando a te.

La Guardia risponde con ira:

Et io l'ubbidirò, se parrà a me.

La guardia va pe'leoni, e mentre che gli cava fuora, un Birro dice a Santo Ignazio:

Yuo' tu farti vivanda a'denti loro?
Vuoi el corpo fia nel corpo seppellito?
Sopra ciascun martor queir è martoro,
Che è per martor ogni martor finito.
E dopo morte poi non val ristoro,
E 'l seguito convien che sia seguito
Né può quel che stato è, stato non essere ,
E pena non v' è mai se non v' è l' essere.

Cavato fuora e' leoni, el Cavaliere a Santo Ignazio dice:
Eri fra' più contenti el più contento,
Eri fra' più felici el più felice,
Sarai fra' più scontenti el più scontento,
Sarai fra' più infelici el più infelice.

Santo Ignazio risponde al cavaliere:

Io son, e quel ch' io son d' altri divento,
E altri ha a ubidir quel che altri dice:
Non vengo qui da me, ch' altri mi manda,
E tanto so quanto il mio Dio comanda.

Ora si volge al popolo e predica:

Son lacci in povertà, lacci in ricchezza,
Son lacci nel parlar, lacci in tacere,

Son lacci in gioventù, lacci in vecchiezza,
Son lacci nel mangiar, lacci nel here ,
Son lacci in turpitù, lacci in bellezza,
Son lacci in cecità, lacci in vedere;
Andando e stando in ciò che tu t'impacci
Questo misero mondo è pien di lacci.

Ora, orando, dice da a Dio:

Non ero, e Tu di nulla mi facesti:
Dunque di nulla son alcuna cosa:
E dopo l' esser, la vita mi desti,
Nell' intelletto la ragion nascosa.
Questo spazio di vita che mi presti
Tiemmi il corpo in tormento e l' alma in posa,
E ricevimi in ciel nel santo gremio:
D'ogni fedel servir s'aspetta il premio.

Tu medesimo a te sei laude a te:
Ho desiderio te desiderare;
Perchè la gloria tua si gloria in te
Non ti posso con laude, laude dare:
Ma tu la mia speranza e 'l mio ben se',
E puoi del mio dolor gaudio cavare,
Perchè hanno tanta forza e' detti tuoi
Che tanto puoi quaggiù, quanto tu vuoi.

El Cavaliere a Santo Ignazio dice:

Intendo dare spaccio a'fatti tuoi,
Chè star ambiguo più teco non posso.

Volgesi a la guardia de' leoni e dice:

Poi che non crede quel che crediam noi,
Lassagli andar coteste fiere a dosso.

La Guardia risponde:

L' albitrio è tuo d' aver quel che tu vuoi;
E questo è tanto quanto far ti posso.

Ora lassa andar e' lioni e dice:
Su presto a lui.

El Cavaliere dice: Nessun di lor si muove:

Che maladetto sia chi crede in Giove!

E' leoni stanno fermi, e santo Ignazio dice al popolo:

Popol Roman, che a me siate d'intorno:
Farina son che pan farò bianchissimo,
E da la vita a la vita ritorno,
E di questo mio mal son contentissimo;
Doman per me non fia notte né giorno,

Certo sarò di quel ch'io son certissimo. Segue andando verso e leoni e dice: O crudeli animal, dè, divoratemi, E pel dolce Giesù la morte datemi. E leoni, detto questo, gli corrono a dosso, e solamente lo assogano; e santo IGNAZIo in terra orando dice: Giesù, Giesù, Giesù, Giesù, Giesù Merzè, merzè, merzè, merzè, merzè: Dammi la morte ch'io non posso più, E fammi forte star nella tua fè. La GUARDIA de leoni dice: - - - Gli ha tanto fatto che gli è or fra più, 3 rei Y E sarà chiaro di quel che di là è: 45 o ! Io credo che a quest'ora e se ne penti, E abbi del mal far nuovi tormenti. ST la guardia: il CAVALIERE a birri dice: - Costui ha il nome di Giesù invocato: Veggiam se come e'disse e l'ha nel cuore: Fate che sia di subito sparato Ch'io vo chiarirmi, e far chiar il signore. Un BIRRo al cavaliere risponde: Io veggo ben che tu sarai impazzato, E se ne riderà lo imperatore, Che l'abbi fatto per aver suo credito: Scritto vi troverai: mirami il fegato. El CAVALIERE al birro risponde: Questo non nuoce. El BIRRO: Et anche non giova: Ma sol io lo farò per contentarti. Presto de' fatti sua vedrai la pruova: State a veder ch'io ne farò due parti. Un ALTRo dice al primo birro mentre che lo spara: Credi trovarvi qualche cosa nuova? Doverrei del polmon nel ceffo darti. El CAVALIERE al birro dice: Bada costi, e non mi dar più noia, Chè l' offizio farai che ha far el boia. El BIRRo cava fuori el cuore, e vedevi scritto per tutto el nome di Giesù; tagliandolo dice: Questo mi par uno stupendo segno: V'è scritto qui Giesù come ci ha detto. Natura, o arte, o nostro uman ingegno

[ocr errors][ocr errors]
[ocr errors]

Non potè partorir simil effetto.
Costui ha a far ribellar tutto il regno,
E alla nuova fé farlo suggetto.
Vo' che a l'imperator si porti e mostri,
Ch' oggi spacciati son questi Dei nostri.

El Cavaliere mostrando il cuore di santo Ignazio a V imperar atore, dice:

O imperator, quel che Ignazio ci disse
Tanto se gli è nel cuor trovato scritto.
Gran segni ci mostrò mentre che visse,
E morto non è stato derelitto.
Nanzi che 'l petto di costui s' aprisse
Ero da varie opinion trafitto,
Or io son chiar, per le evidente cose,
Che Giesù è quel che Giesù in cor li pose.

Lo Imperatore stupefatto risponde:

Questa mi par la più mirabil cosa
Che mai ne' tempi mia sia pervenuta.
O potenzia di Dio maravigliosa!
Oggi sei stata per me conosciuta.
Non fia la fama tua da me nascosa,
Non fia l' opera tua per me perduta.
Non vo' più e' cristian perseguitare,
Ch' io vego quanto il lor Cristo sa fare.

Ora si volge al cavaliere e dice:

Sappi, cavalier mio, che Dio non manda
Nessuna aversità senza cagione:
Se ci percuote d' una in altra banda,
Non si può giudicar la sua intenzione:
Ma chi con umiltà si raccomanda
Gli esaude e' sacrificii e l' orazione,
Perchè 'l giusto pregar sua ira scaccia ,
E vuol che d' un voler l' altro gli piaccia.

Chi lo vuol sotterrar, sì lo sotterri,
Chè d' averlo amazzato io me ne pento.

Un Barone a V imperatore dice:

Perdonami, signor, fortement'erri;
La sua imaginazion vi scrisse drento.

Lo Imperatore al Barone risponde:

Non punte di diamanti o d' altri ferri
O imaginario intenso sensamento

Are' potuto far quel che v' è fatto:
Si ch' io son dal suo Dio ben satisfatto.

Vn Sacerdote de la Chiesa romana dice a un altro sacerdote:
Ignazio è morto, et è pubblica fama
Lo imperator essersi convertito,
E Giesù invoca, onora, esalta e chiama ,
E vuol ch' ogni cristian sia riverito.
O potenzia di Dio, colui che ti ama
È nella prece lecita esaudito!
Dicesi come morto e' lo sparorno,
E nel suo cuor Giesù scritto trovorno.

El secondo Sacerdote dice al primo:

Vuolsi al suo corpo dargli sepoltura
E onorar colui che Cristo onora.
Andiam lieti, sicur, senza paura
Cantando laude, e salmeggiando fuora.
Di qua manca la vita, e di là dura
Tanto quanto colui che in ciel l'adora.
Tempo no né speranza né fede, *
È salvo quel che queste cose crede.

E sacerdoti pigliano il corpo di santo Ignazio; e in questo
V angelo licenzia al popolo.

1 Cafì le antiche stampe.

« PrécédentContinuer »